Passa ai contenuti principali

Come aprire un blog/sito gratis - Meglio Blogger o WordPress? 🤔

Hai deciso di aprire un blog o un piccolo sito gratis, ma non sai ancora come? Scegliere tra Blogger e WordPress può non essere una scelta facile per i non addetti ai lavori, ma non ti preoccupare, in questo articolo ti spiegherò quale CMS è migliore dettagliando i vari pro e contro di entrambi.

meglio Blogger o Wordpress comparativa


I nuovi aspiranti bloggers di tutto il mondo si trovano di fronte a un serio dilemma quando per la prima volta devono decidere quale piattaforma di blogging è meglio per il loro nuovo sito web

In realtà esistono dozzine di opzioni sul mercato (tra cui il famoso Wix che però ti sconsiglio per una questione SEO) che vanno dalle impostazioni di base dei blog dei social network alle soluzioni software open source self-hosted.

Tuttavia, per la maggior parte dei nuovi bloggers e per coloro che non vogliono pagare per il proprio sito, la scelta si riduce a uno dei due CMS: Blogger o WordPress (in questo video potrete comprendere alcune differenze sui due sistemi). 

Queste due alternative sono diventate quasi dei sinonimi negli ultimi anni con il fenomeno della blogosfera, costituendo un'enorme percentuale dei blog più popolari di internet. Per questo motivo c'è stata un po' di discussione su quale servizio sia migliore.

Per eliminare questo dubbio in questo post vi dettaglierò sette ragioni per cui Blogger è meglio di WordPress. ⚠️Questa analisi fa riferimento agli account gratuiti disponibili per entrambe le piattaforme, non a quelli a pagamento. ⚠️

Se avete bisogno di creare un sito più strutturato, sul quale inserire regolarmente nuovi plugin, vi consiglio di scegliere WordPress.org, che è a pagamento a differenza della sua versione .com che non permette l'inserimento di plugin.  È di questo free CMS che parleremo in questo articolo.

Come creare un blog gratis: i vantaggi di Blogger (Blogspot) rispetto a WordPress

1. Questo CMS offre un accesso integrato con l'account Google 

Dà la possibilità di collegare facilmente tutti i prodotti Google posseduti. Questo è un grande vantaggio per Blogger, da non sottovalutare assolutamente. Molte delle funzioni più utili di questo CMS sono offerte da "Big G", inclusi gli strumenti AdSense, Ads, Search Console per una corretta indicizzazione del sito e Analytics per monitorare le visite. 

Invece di aggiungere codice al futuro sito internet, cosa che può generare difficoltà e causare siti web non funzionanti, Blogger consente di fare clic sui pulsanti facilmente dando la possibilità di integrare AdSense o banner nel blog/sito.

Ciò permette di utilizzare le stesse informazioni di accesso per tutti i servizi di Google, cosa che consente a Blogspot di avanzare di alcuni passi sulla scala dei pro. WordPress è una soluzione open source, il che significa che tutti i servizi extra devono essere integrati nel tuo blog dopo esserti iscritto ai vari account.

2. Blogger è un sito di Google, ovvero chi decide le regole della SEO

Continuando con i pro, Blogger può contare con il supporto della più grande e potente internet company al mondo. Ciò significa che la maggior parte del denaro e del tempo di sviluppo possono essere investiti nella creazione di nuove funzionalità per Blogger che WordPress (nella sua versione gratuita) potrebbe dover attendere. 

A prescindere dall'essere ovviamente SEO friendly, ti garantisco che la velocità di caricamento e l'ottimizzazione responsive per mobile sono veramente fenomenali! Tieni conto che questi due fattori sono cruciali per avere un buon posizionamento sui motori di ricerca nel 2018.

prestazioni gtmetrix di blogger
Prestazioni di GTmetrix

3. Blogspot offre diversi layout per il sito con possibilità di integrazione e personalizzazione HTML

Le opzioni di Blogger per apportare modifiche alla composizione visiva del tuo blog sono numerose e facili da usare, cosa su cui in passato WordPress.org ha avuto problemi di mantenimento. 

Sul primo CMS gratuito ci sono diversi modelli predefiniti e altri disponibili da altri siti web. Basta copiarli e incollarli nella pagina del tuo blog e avere un nuovo look. 

Inoltre, i fogli di stile e il codice HTML per il tuo modello (se sei disposto a farlo) possono essere facilmente modificati e migliorati per soddisfare le tue esigenze specifiche.

4. Come ridurre il tempo di indicizzazione collegando Blogger a Search Console e ad Analytics

Grazie al facile collegamento con gli strumenti Google, i blog targati Blogspot (nome precedente della piattaforma) permettono ai post di indicizzarsi sui motori di ricerca molto più rapidamente che con WordPress

Di solito, dopo poche ore dalla pubblicazione della nuova pagina/post (soprattutto se si inserisce manualmente l'URL nella Search Console), i contenuti si indicizzeranno permettendo di ricevere traffico il più rapidamente possibile

Ciò è particolarmente importante in quanto una parte considerevole dei bloggers cerca di diffondere le notizie più recenti finchè ne valga la pena. Se le informazioni non si indicizzano per due giorni, i contenuti potrebbero essere già vecchi quando le persone inizieranno a fruirli.

5. Blogspot è di facile utilizzo e, per essere gratis, vanta funzioni interessanti

Blogger è davvero una piattaforma plug and play per un nuovo proprietario di un sito/blog. La registrazione richiede pochi secondi, consentendo agli utenti di utilizzare i propri dati di accesso Google e chiedendo solo alcune informazioni di base come il titolo del blog e la descrizione

Una volta configurato velocemente il layout del sito, gli articoli del blog/sito possono essere scritti e pubblicati e, con pochi clic, verranno automaticamente scansionati dai crawler.

Tra le varie funzioni interessanti, Blogspot permette anche di inserire Google Translate e quindi offrire tutte le pagine del sito in tutte le lingue esistenti.

Specialmente per i neofiti della blogosfera, tra WordPress e il CMS di Google, la scelta migliore per quanto riguarda la facilità d'utilizzo appartiene alla seconda piattaforma.

Bonus: premetto che ho lavorato tantissimo sulla SEO on e off page, ma a tre mesi dal lancio del mio sito sono passato ad avere un Domain Autority di 16 punti e una Page Autority di 16! 

Non posso affermare con nessuna certezza matematica che questo sia dipeso dal fatto che abbia come Content Management System Blogger, ma con buone probabilità ha influito in alcuna maniera. Del resto si tratta di avere come hosting quello di Google: il gigante di Mountain View.

Tieni presente che il mio dominio NON è neanche a pagamento... questo perché ho scelto di fare una sfida con me stesso: posizionare discretamente il mio blog senza dover uscire neanche un solo centesimo per hosting, dominio o plugin. Per il momento, sta andando alla grande!

6. A differenza di WordPress, Blogger/Blogspot permette la facile integrazione di più account 

Blogger semplifica la visualizzazione di tutti i tuoi blog tramite la funzione dashboard che collega direttamente al tuo account di accesso Google. Quando effettui il login, verranno visualizzati tutti i tuoi blog, con opzioni one-clic per pubblicare o modificare i post.

Il numero di blog e account disponibili è quasi infinito e rende il blogging su più argomenti più facile che mai.

7. Il CMS di Google a differenza di WordPress, Wix e degli altri, permette di "localizzare il post"

Sì, hai capito bene! Nonostante Blogger non sia personalizzabile al 100%, soprattutto in termini di architettura web, vanta una funzione interessantissima: l'ubicazione del post

Oltre alla personalizzazione dello slug, della metadescription e del tag title, permette di selezionare una città in particolare, in modo da potenziare la possibilità di apparire nella SERP di quel luogo. 

Si tratta di una manovra di SEO locale che potremmo paragonare all'inserimento della propria attività su Google my Business, più comunemente noto come Google Maps.

8. Blogger/Blogspot ha un sistema di statistiche (analitica) integrato nella piattaforma

Anche se non si è esperti con Google Analytics con Blogspot non si rinuncerà alle statistiche sui visitatori del sito. Grazie a questa funzione si potrà riscontrare da quali canali provengono i visitatori, da quali Paesi e quali pagine o post ricevono più visite.

In definitiva, Blogger è la soluzione ideale per chiunque stia aprendo il suo primo blog e non abbia capito ancora come fare; ma è anche un'ottima piattaforma per coloro che sono più avanzati nel mondo del blogging e/o del digital marketing, ma vogliono evitarsi il costo di un dominio, di un hosting, dei plugin e magari di un webmaster e un designer per lo sviluppo e la manutenzione del proprio sito o blog.

Oltre alle "rotture" precedentemente menzionate, con questa piattaforma il sito possederà già l'HTTPS (certificato di sicurezza, fondamentale per la SEO nel 2018) e avrà già rispetatto il nuovo regolamento sul trattameto dei dati personali conosciuto come GDPR.

Arrivato a questo punto ti sarai chiesto: "Ma Blogger deve pure avere degli svantaggi?". Beh, a dire il vero, una pecca ce l'ha: l'architettura web (H1, H2, eccetera) non è personalizzabile al 100%. Ad ogni modo, a mio avviso, i vantaggi sono così tanti da affievolire il peso di questa pecca. Di seguito puoi vedere il livello di ottimizzazione del mio blog.
ottimizzazione blogger vs wordpress
Dati di Google PageSpeed Insight

Blog gratis? Perché ho scelto Blogspot o Blogger invece di WordPress

Io sono un esperto SEO, quindi avrei potuto tranquillamente optare per un WordPress a pagamento (.org), ma ho deciso di fare una sfida con me stesso: cercare di posizionare il mio blog con un CMS gratuito, senza uscire un solo centesimo. 

Il sito internet su cui stai navigando l'ho fatto proprio con Blogger e, sinceramente, per quanto riguarda la SEO (posizionamento organico sui motori di ricerca), sto avendo risultati veramente notevoli! Più di quanto mi aspettassi all'inizio.

Quindi, riassumendo, per quanto riguarda le opzioni gratuite tra le varie disponibili si può affermare che Blogger è meglio di WordPress.

Come aprire un blog o un sito gratis con Google Sites

Oltre alle piattaforme più famose come WordPress, Wix, Blogger o Tumblr, il relativamente nuovo Google Sites offre funzionalità di creazione di pagine web che rendono semplice e intuitivo progettare un sito nel modo desiderato. 

Si possono aggiungere gadget come calendari, mappe, fogli di calcolo, presentazioni e altro, in modo da rendere il sito più funzionale. Basta scegliere un tema e personalizzarlo come più si preferisce per avere un sito internet dall'aspetto professionale e dalle funzioni eccezionali su tutti gli schermi desktop, tablet e mobile.

Se non hai già un account con G Suite, ti verrà chiesto di crearne uno prima di poter configurare il tuo sito Google. Dopo averlo fatto, ti verrà chiesto di utilizzare il tuo dominio che hai acquistato da un registrar di domini. Se non ne hai uno, ti verrà data l'opportunità di acquistarne uno prima di andare avanti, oppure, potrai utilizzarne uno completamente gratuito come con Blogger.

Perché utilizzare Google Sites per creare un sito. Quali sono i vantaggi?

Date le svariate possibilità che offre il nuovo CMS Google Sites, lo si può usare praticamente per qualsiasi cosa. Inoltre, ovviamente, è SEO friendly e garantisce il risultato di un sito veloce e completamente ottimizzato per mobile. È molto semplice da utilizzare, proprio come Wix, ma a differenza di questo (nella versione gratutita) ti offrirà visibilità sui motori di ricerca.

Inoltre, se hai una grande squadra con cui lavori, potresti prendere in considerazione l'idea di utilizzare Google Sites per creare una intranet a fini di comunicazione. Il bello di Google Sites è che puoi scegliere chi può e non può accedere al tuo sito. Pertanto, se desideri che i visitatori esterni possano visitare il tuo sito o desideri concedere privilegi di modifica collaborativi a determinati utenti, puoi farlo facilmente con pochi clic utilizzando Google Sites.

Siamo giunti alla fine di questo post che ti ha spiegato come creare un blog a costo zero. Personalmente ti consiglio di usare Blogger/Blogspot, ma anche l'ultimo menzionato è un CMS molto valido.

È finalmente arrivato il momento di aprire un sito/blog gratis! Creare Blogspot

Commenti

  1. Molto utile, grazie davvero. Siccome voglio fare una prova senza investire denaro per vedere prima come va, seguirò il consiglio e proverò con Blogger.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona fortuna! Tra un paio di mesi fammi sapere come sta andando.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I migliori strumenti SEO gratuiti - Web Marketing tools 2019 📊

Strumenti SEO e SEM gratis - Digital/Web Marketing tools  In questo articolo troverai una dettagliata lista dei migliori strumenti SEO e SEM gratuiti esistenti su internet. Vuoi sapere qual è la parte migliore? Tutti questi tools funzionano alla grande per fare Web Marketing nel 2019!
Premetto che alcuni di questi hanno anche funzioni a pagamento, ma l'utilizzo della loro versione free è già di per sé pienamente soddisfacente.
Sei pronto a scoprirli? Iniziamo… Strumenti di web marketing per la ricerca di parole chiave 1. Ubersuggestè utilissimo per trovare centinaia di idee per le parole chiave da inserire nella tua strategia di marketing digitale.
Si tratta di uno strumento SEO semplicissimo da usare: basta selezionare la lingua del proprio Paese e digitare una parola chiave.
Oltre al volume medio di ricerca mensile, ti fornisce informazioni specifiche per ogni parola chiave, come ad esempio il CPC (costo per clic su Google Ads), la stagionalità della keyword e, di recente, ha ag…

Web marketing Bari: perché SEO e SEM/PPC sono vantaggiosi ✅